Carne e sopravvivenza femminile / Viande et survie des femmes / Meat and women survival

“L’assalto di Nastia nei miei confronti […] continua.” (Punti e Interrogativi, ATE editore, p. 58)

 

Incontro Anna per un’intervista e tra le tante cose, mi dice di essersi sempre trovata meglio con gli uomini: tra donne, troppa gelosia. È una donna con una certa maturità e perciò lo dice con tranquillità, è una constatazione che non fa nemmeno male. Quasi un dato di fatto.

Per me non è andata così. Guardandomi indietro, non riesco a imputare le difficoltà a un sesso e basta. Ma credo di aver capito ciò che vuole dirmi. Anche a me è capitato di incontrare alcune donne assediate da gelosia, invidia o rancore ma, se oggi la faccenda mi interroga, è perché Anna non è la prima a dirmi questo. Ricordo una psicologa descrivere l’ambiente di lavoro della sorella con tono da ‘ormai lo sanno tutti’: “Sono solo donne, allora capirai…”. Come se la presenza di un uomo fosse garanzia di salvezza. Il salvatore…mhh, già sentito questo appellativo… e mi puzza di stereotipo.

Comunque sia, questo mi aveva fatto riflettere parecchio. E un giorno, quasi per caso, mi sono imbattuta in una spiegazione storicamente e culturalmente fondata.

Perché se c’è una cosa da capire davvero, è il perché dei luoghi comuni. Solitamente sono il frutto di paure, discriminazioni e intolleranza che vanno ad aggrapparsi a qualcosa di minuscolo e fragile, che funge da pretesto, da scintilla per appiccare un gran falò. Certamente è così anche per la presupposta gelosia femminile. Che ha origini lontane, arcaiche, dimenticate dalla testa ma non dal cuore.

Lo studio sulle favole a cura di Marina Warner, From the Beast to the Blonde, in particolare il capitolo sulla matrigna, da sempre emblema della cattiveria e della gelosia, mi ha aperto una finestra sulla realtà delle donne fino a qualche decennio fa. Esso riassume chiaramente le relazioni che anticamente caratterizzavano le donne, sia quando da giovani spose entravano a far parte della famiglia del marito, sia quando una bambina perdeva la madre e vedeva il padre risposarsi con un’altra donna, cosa che nei tempi passati accadeva spesso a causa dell’alta mortalità durante i parti, sia quando una donna si ritrovava nella scomoda posizione di matrigna. E tra l’altro, in francese, matrigna e suocera sono chiamate allo stesso modo: belle-mère.

Le situazioni famigliari variavano, ma il fulcro della questione è sempre lo stesso: il mantenimento di una posizione sicura, che dipendeva dall’uomo: vedova, la donna doveva trovare un altro marito per poter sopravvivere; moglie di un vedovo, doveva fare i conti con la figliolanza del marito e assicurare il giusto trattamento alla propria progenie se ne aveva, perché non fosse sfavorita rispetto ai figli della prima moglie; nuora, combatteva per affermare la sua posizione rispetto alla suocera; suocera, doveva lottare per mantenere i favori del figlio rispetto al potere della moglie. Insomma, tutte le donne di una casa dipendevano dall’uomo – marito o figlio che fosse. E ognuna lottava per la propria sopravvivenza. Per la carne quotidiana. Per questo, ogni donna era una rivale. Dominava la paura, ed era causata dalla vulnerabilità e dall’insicurezza. Le donne dovevano difendere costantemente la loro posizione. Con l’uomo non ce la si poteva prendere, poiché da lui dipendeva la sopravvivenza. Il conflitto andava evitato chinando la testa e ubbidendo. E le donne hanno mantenuto lo stesso atteggiamento – soprattutto negli ambienti di lavoro, in cui il maschio è ancora dominante. Queste paure e reazioni sono ancestrali, sopravvivono in molte di noi e scatenano le piccole guerre delle donne contro altre donne. Ecco cosa era sfuggito alla ‘professionista della psiche’…

A confermarlo basti una frase. L’ho sentita da una tizia con delle mire su un promettente avvocato il quale, purtroppo, si interessava a un’altra – senza tuttavia essere ricambiato. Malgrado il flagrante disinteresse dell’altra, lei disse: “Quella xxx mi sta rubando la carne dal piatto”. Devo aggiungere altro?

Dinnanzi a questi sentimenti, abbiamo soltanto una via: quella della compassione, della tolleranza e del perdono – il che non è sempre semplice, soprattutto quando siamo bersaglio. E naturalmente, è necessario un lavoro su noi stesse per non sentirci più vulnerabili e insicure. Chissà, se quella donna, giunta ora alla mezza età, l’ha fatto? Io glielo auguro davvero.

 

Per approfondire: Phyllis Chesler, Woman’s inhumanity to woman e Marina Warner, From the Beast to the Blonde, Nancy Friday, Jealousy.

 

Viande et survie des femmes

Je rencontre Anna pour une interview et parmi d’autres choses, elle m’avoue avoir toujours mieux travaillé avec les hommes: entre femmes, trop de jalousie. Forte de sa maturité, elle en parle de façon tranquille. Cela ne la perturbe pas trop, finalement.

Je n’ai pas la même expérience. Point de situation manichéenne, pour moi. Mais je crois comprendre ce qu’elle dit. J’ai aussi rencontré des femmes jalouses, mais si aujourd’hui je reviens sur ce sujet, c’est parce qu’elle n’est pas la première à affirmer cela. La première a été une psychologue, en décrivant l’ambiance de travail de sa sœur : « ce ne sont que des femmes, alors tu comprends… » – m’a-t-elle dit avec un ton complice. Comme si la présence d’un homme était la garantie d’une ambiance sereine. L’homme en tant que sauveur… ça vous dit quelque chose ? Ça sent le stéréotype…

Cette phrase m’avait fait réfléchir. Et un jour, par hasard, je suis tombée sur une explication historiquement et culturellement fondée.

Car ce qu’il nous faut comprendre avant tout, est le pourquoi des lieux communs. En général, ils ne sont que le fruit de la peur, de la discrimination et de l’intolérance, qui va se greffer à une toute petite chose, un prétexte, une allumette qui met le feu. Il en est ainsi, certainement, de la jalousie des femmes et de leurs réactions envers leurs semblables. Tout cela a des origines lointaines, archaïques, encore présentes dans l’inconscient.

L’essai sur les contes écrit par Marina Warner, From the Beast to the Blonde, et tout particulièrement le chapitre concernant les belles-mères, m’a ouvert une fenêtre de compréhension sur la réalité des femmes jusqu’à une époque encore récente. Il résume très bien les relations qui caractérisaient les femmes quand, en tant que jeunes épouses, elles entraient dans une famille et avaient donc une belle-mère, ou bien quand elles étaient en position de belle-mère ou encore, lors qu’elles épousaient un veuf. Souvenons-nous également du fait qu’en français, belle-mère est soit la mère de l’époux, que la nouvelle épouse d’un homme divorcé pour ses enfants.

Les situations étaient différentes, mais la problématique était finalement la même. Il fallait garder une position sûre, qui dépendait de l’homme de la famille. Si elle était veuve, une femme se devait de trouver un mari pour survivre ; en tant que femme d’un veuf avec des enfants, il leur fallait assurer un traitement adéquat pour ses propres enfants ; en tant que belle-fille, est se battait pour affirmer sa position par rapport à sa belle-mère ; et si elle était une belle-mère, il lui fallait conserver son pouvoir envers son propre fils face à celui, grandissant, de son épouse. Toutes les femmes, en fin de compte, dépendaient d’un homme. Et chacune luttait pour sa propre survie. Pour le pain quotidien. Pour la viande.

Voilà pourquoi chaque femme était potentiellement une rivale. La peur dominait, car les femmes étaient vulnérables. Il leur fallait défendre leur position. Elles ne pouvaient pas s’en prendre à l’homme. Jamais, car de lui dépendait leur survie. Ça se passe encore comme ça – même au travail. Voilà ce qui avait échappé à notre professionnelle de la psyché…

Ces peurs sont ancestrales, elles survivent encore et ce sont elles qui déclenchent les petites guéguerres des femmes contre d’autres femmes. La preuve ? Une phrase que j’ai entendue d’une femme il y a longtemps. Elle s’intéressait à un promettant avocat (et ben oui…) qui lui préférait une autre. Malgré le flagrant désintérêt de l’autre, elle a dit : « Cette garce est en train de voler la viande de mon assiette… » Faut-il ajouter autre chose ?

Face à tout cela, nous n’avons qu’une voie : celle de la tolérance et du pardon. Ce n’est pas facile, surtout si nous sommes victimes de jalousie. J’espère que ceci vous aidera à comprendre et à pardonner. Et bien évidemment, un travail profond sur nous-même est nécessaire, afin de ne plus nous sentir vulnérables. Qui sait, si cette femme l’a fait ? Je le lui souhaite.

 

Biblio: Phyllis Chesler, Woman’s inhumanity to woman; Marina Warner, From the Beast to the Blonde, Nancy Friday, Jealousy

 

 

Meat and women survival

I met Anna for an interview and among other topics, she said she had always worked better with men: she thinks that there is too much jealousy among women. She is a mature woman and she said it with detachment, as a matter of fact. It looked as if she didn’t care too much.

My experience is different. I cannot say I worked better with men or women. However, I think I understand what she was trying to say. I have met jealous or rancorous women too, but if I want to address this topic now, it is because it is not the first time I hear about it. I remember a psychologist talking about somebody’s workplace: “They are all women, so, you know…” As if a man’s presence could save them all. The saviour? Uh… sounds like a well-known stereotype.

Then, one day, I stumbled upon a grounded explanation. What we need to understand, actually, is how prejudice develops. It is usually due to fear, discrimination or intolerance. This glues to a pretext, a tiny spark, which lights a huge bonfire. It is so for jealousy among women, which has archaic origins forgotten by the head but not by the heart.

Marina Warner’s essay on fairy tales, From the Beast to the Blonde, sheds a light on these issues. The chapter on stepmothers is particularly interesting, as it depicts the lives of women until not so long ago. It summarises the relationships between two women, usually stepmother and child, or widow or mother-in-law and her daughter-in-law. Women were either wives, or stepmothers, widows, mothers-in-law, daughters, stepdaughters or daughters-in-law. The common denominator was dependence upon a man, albeit in different situations. In fact, women needed to keep a secure position within the family system. Each of them was fighting for her own survival. For bread and meat. Therefore, each woman represented a rival. Jealousy and vulnerability were tightly enmeshed. Men were respected and never contradicted. Conflict with them had to be avoided and it is still pretty much so now – even in workplaces as they are usually men-dominated. Too bad the psychologist did not understand this…

These are ancestral fears that survive in many women and give rise to small or big fights among them. Let me confirm my saying by telling you about something I overheard a long time ago. A woman was pushing to become a promising young lawyer’s fiancée. He was not in the least interested, as he had another woman in mind, who didn’t care much about him. Still, faced with her clear lack of interest for the man, the woman said of her supposed rival: “That xxx is stealing my meat from my dish”. Shall I really add anything?

We can only react with compassion, tolerance and forgiving – which is not always easy, if you are the victim. Of course, great inner work is also necessary, in order not to feel vulnerable anymore. I hope that that now middle-aged woman has done at least some of it. Given what she said, it would be great progress already.

 

Read also: Phyllis Chesler, Woman’s inhumanity to woman; Marina Warner, From the Beast to the Blonde; Nancy Friday, Jealousy.

Annunci

Io e le mie donne / Mes femmes et moi / My women and I

“Invece, lei ci sorprese” (Punti e interrogativi, ATE editore, p. 70)

Credo di avere incontrato le donne più orribili del mondo. Ne ricordo tre, tutte accumunate da un gravissimo difetto: la gelosia. Erano tre giovani donne non realizzate: l’una in amore, l’altra professionalmente, l’altra ancora socialmente ambiziosa e insoddisfatta. Tutte pronte a fare sgambetti pur di ottenere risalto, approvazione, amore. Pronte anche a tradire un’amica – in generale in favore di un uomo. A usarla e a gettarla. Gravissimo soprattutto dopo aver professato amicizia: un paio anche peggio le ho incontrate, ma non hanno avuto la faccia tosta di fingersi amiche e, perciò, non mi hanno ferito. Ancora oggi mi chiedo: perché il tradimento, il voltafaccia, le menzogne?

Queste donne dormono in un angolo della mia mente, ai margini della mia vita, ricordate solo per la loro bruttezza interiore. Erano brutte perché avevano ferite da guarire, e spero che oggi ci siano riuscite. Le ho perdonate anche se non so, se è bene che sia così, perché questa serenità che sento dentro implica che non mi importa più niente di loro e un po’ mi spiace, perché credendole sincere e stupende, le ho amate davvero.

Ma questo è il passato, e io devo loro qualcosa: mi hanno insegnato a riconoscere la sincerità e la bellezza quando le ho incontrate in altre donne.

Perché oggi credo di avere accanto a me, come amiche, quelle che ai miei occhi sono alcune delle donne più belle del mondo. Non hanno ottenuto tutto, ma continuano a lottare senza scoraggiarsi. Hanno fiducia in loro stesse o stanno lavorando per crearla. E così facendo la gelosia non le sfiora. A loro penso spesso, ammiro il loro andare avanti, il loro coraggio, la loro determinazione, la loro sensibilità, la loro intelligenza. Sono brillanti in modi diversi. Sono uniche.

Sono la famiglia di anime che sto cercando di formare. A me non importa se qualcuno pensa che tra donne c’è solo gelosia – e, del resto, questo è un argomento che vale la pena ridiscutere. Sono un po’ idealista e all’amicizia ci credo ancora. A queste donne io voglio davvero bene. Sono le “mie donne”. E qualcuna che mi segue qui si riconoscerà.

 

Mes femmes et moi

Je crois avoir rencontré les femmes les plus horribles du monde. Je décerne le palmarès à trois, toutes porteuses du même défaut génétique : la jalousie. Elles étaient trois jeunes femmes insatisfaites : l’une en amour, l’autre au travail, la troisième socialement. Toutes étaient prêtes à faire un croche-pied afin d’obtenir approbation, amour et visibilité. Prêtes également à trahir une amie – en général pour un homme. Un comportement gravissime, surtout après avoir juré une amitié infinie : j’ai rencontré pire, mais elles n’ont jamais eu le culot de se faire passer pour des copines. Et aujourd’hui encore je me pose la question : pourquoi la volte-face, la trahison, les mensonges ?

Ces femmes dorment dans un recoin de ma mémoire, aux marges de ma vie. Je ne me souviens d’elles que par leur laideur intérieure. Elles étaient laides car blessées et j’espère qu’aujourd’hui elles aient réussi à guérir. Je les ai pardonnées et je suis en paix, même si la sérénité est un clair signe d’indifférence vers elles et j’en suis triste car, en les ayant crues sincères et magnifiques, je les ai vraiment aimées.

Mais ceci n’est que du passé, et je leur dois quelque chose : elles m’ont appris à reconnaître la sincérité et la beauté quand je les ai rencontrées.

Car aujourd’hui, je crois avoir à mes côtés, en tant qu’amies, celles qui à mes yeux paraissent les femmes les plus belles du monde. Elles n’ont pas tout réussi, mais elles persévèrent sans se décourager. Elles ont confiance en elles-mêmes, ou sont en train de la chercher. Aussi, la jalousie ne les effleure pas. Je pense souvent à elles, j’admire leur chemin, leur courage, leur détermination, leur sensibilité, leur intelligence. Elles sont brillantes. Elles sont uniques.

Elles font partie de la famille d’âmes que je suis en train de former. Il y en a qui pensent qu’entre femmes il y aura toujours de la jalousie – et on en reparlera bientôt. Mais moi, je suis idéaliste et je crois encore en l’amitié. J’aime ces femmes, « mes femmes ». Et peut-être quelques-unes d’entre elles se reconnaîtrons ici.

 

My women and I

I believe I met the most horrible women in the whole world. I remember 3 of them distinctly: all 3 had a common problem: jealousy. Three young women dissatisfied with love, profession, and social recognition. All ready to play tricks on others in order to gain social approval or love. Ready to betray a friend too, such as I was, for a man. It is awful, really. Especially after promising eternal friendship. I have met worse, to be honest. But at least, they did not pretend they were my friends. Today still, I wonder: why betraying, why lying?

Those women rest in the back of my mind. I remember them for their wickedness and their non-external ugliness. They were ugly, indeed, because they were wounded. I hope today they are no more. I forgave them, but I feel a bit of sadness because I know that they don’t mean anything anymore to me and I wonder how this has happened. After all at some point in my life, I have really loved them.

Yet this is the past. And I owe them something. They taught me to recognise sincerity and beauty when I met them in other women.

Today, I believe my best friends are the most beautiful women of the world. They didn’t succeed in everything, but keep on trying. They are self-confident, or are trying to become. So they don’t need to be jealous. I often think about them, I admire them for their courage, sensitivity, intelligence. They are unique.

 

Ma alle donne piacciono i modi bruschi?

“Aveva bisogno di lui e lui le avrebbe dato una mano. Erano in due, ormai.” (Il baule di nonna Lea, in Punti e interrogativi, ATE editore, 2016)

 

Recensione di Modi bruschi di F. La Cecla, Elèuthera, 2010

Il saggio si apre con una problematica fondamentale: non è in crisi la mascolinità, ma la relazione uomo/donna. Infatti, crollato il rapporto di forza, le relazioni sono diventate meno stabili, pur se più paritarie. E l’approccio antropologico, specialità dell’autore, offre esempi di come una qualsiasi divisione dei ruoli sia più efficace.

Ma qui mi fermo e passo alla tematica centrale: l’identità maschile.

La tesi è che l’essere uomo è contrapposto all’essere donna e va “dimostrato” con modi bruschi, perché non hanno un utero. Il povero Freud con la sua invidia del pene si rivolterebbe nella tomba, ma ha ragione l’autore quando dice che avere l’organo maschile dovrebbe essere sufficiente. Come mai non basta, per cui l’uomo deve ricorrere al fracasso e alla messa in scena per caratterizzarsi? Si va a ripescare con tanto di appigli all’antropologia, la vecchia tesi della separazione dal materno, dell’inadeguatezza, della mascolinità sempre in pericolo – che va salvata creando spazi riservati agli uomini quali un tempo erano i bar. Concesso. Perché l’imperativo, per il maschio, è ritrovarsi.

Il che implica che si è perso. È grave, dottore?

Io non ne sono sicura. Prima di tutto, non sarebbe il primo ad aver smarrito la “diritta via”. E poi, da quel famoso smarrimento è uscito un capolavoro. Simone de Beauvoir, nel saggio del 1954 che la consacrò, aveva scritto: “un uomo non si metterebbe mai a scrivere un libro sulla situazione particolare di essere un maschio”. Le cose sono cambiate. E anche se mettersi in discussione richiede coraggio e fa male, è un’occasione. Per cui è esagerato, oltre che un tantino vittimistico, sentire che “certamente la nostra epoca non sa che farsene di una riflessione sul carattere maschile [perché] è troppo impegnata nell’angoscia e nella rabbia di fronte e contro di esso”. Al contrario, le riflessioni sulla mascolinità sono necessarie. E benvenute soprattutto da noi donne.

“Ci siamo smarriti – riflette quindi l’autore. – Si sono smarriti i maschi – intelligenti – che hanno perduto la sicurezza di essere al loro posto e si sono smarrite le donne che hanno pensato che una buona vendetta le avrebbe ripagate da millenni di umiliazioni”. Il disagio legato alla “perdita” di un’identità secolare si percepisce chiaramente. Perciò mi permetto rassicurarlo (e di contraddirlo): i maschi intelligenti non si sono smarriti. Hanno solo meno certezze di prima e questo mi pare ottimo per intavolare una sana discussione (un tempo si era certi che la terra fosse piatta!). Quanto alle donne, sono un “popolo” oppresso che davvero non si è vendicato con “modi bruschi”, perché l’obiettivo non è mai stato castigare, bensì recuperare diritti e dignità fondamentali. E c’è una gran bella differenza!

Per quanto vale, vorrei tranquillizzare gli uomini che si interrogano: non siete deboli, siete forti.

Non sono la sola a pensarla così: il bel saggio di Duccio Demetrio, L’interiorità maschile, afferma: “I maschi, per diventare uomini, per accedere alla vita interiore, hanno bisogno di sentirsi confusi e smarriti. La sicurezza non si addice a chi si accinga, come nel racconto di Apuleio, a mutarsi da asino in essere umano. Svestirsi delle certezze è l’iniziazione che più evitano…”

È giusto e sano che gli uomini possano esprimersi sulla loro mascolinità, perché “se il maschio viene detto dalle donne, di lui si sentirà solo la differenza che non fa differenza”. E qui applaudo. Senza però scordare di ricordare che è quanto accaduto alle donne per secoli e, in questo senso, i women/gender studies sono discipline nate per colmare proprio queste lacune. Così la letteratura scritta da donne. Viva il giorno in cui tutti potranno parlare di tutti, senza sopportare etichette di genere.

Interrogarsi è necessario perché l’essere uomo o donna va al di là della chiara, indiscutibile anatomia, “ha a che fare in minima parte con una serie di caratteristiche fisiologiche e anatomiche […]. Ogni cosa naturale non è innata ma una condizione e una facoltà acquisita” – ci ricorda l’autore e con queste piccole, grandi verità, avvalora (dopo aver tentato goffamente di scardinarla) la tesi del grande sociologo del XX secolo, Bourdieu: “la differenza tra i sessi è un’invenzione della dominazione maschile”.

Dopo l’accorata riflessione della prima parte, il tono vira all’antropologico parlando di subordinazione solo apparente delle donne, della prova di mascolinità, dei legami tra uomini, della paternità e come essa varia secondo le culture, in una interessante carrellata di vari argomenti.

Tutto sommato mi è piaciuta di più la prima parte, perché mi ha offerto uno sguardo più sincero sull’uomo, senza corazza scientifica a mo’ di protezione.

Donne in ombra – Femmes dans l’ombre – Shadow women

“E io invece la deluderò” (La lettera G, Tufani ed, p. 140)

 

Continuo sulla scia del mio ultimo post… con nuove negritudini letterarie.

Tornando da un viaggio in aereo, incappo (coincidenza?) in tre film centrati su argomenti simili, con tre donne protagoniste: Colette, The Wife e Can you ever forgive her?

Protagoniste, davvero? Forse.

Colette ritraccia la storia della famosa scrittrice francese, i cui romanzi uscirono con il nome del marito fino al giorno in cui li rivendicò. In The wife, una moglie rimane per una vita nell’ombra del marito insignito del Nobel. L’ultimo, infine, racconta di una biografa che sprofonda nella frode perché nessun editore vuole più pubblicare i suoi libri.

Tre scrittrici, dunque. Donne con una voce persa, flebile, mai rivendicata.

Inconsapevole ma forte è quella di Colette, costretta a scrivere dal marito per far fronte alle grosse spese. Perfetta è quella della moglie, ma sprecata per conservare gelosamente il segreto che la confina nell’invisibilità. Timorosa e mai davvero svelata quella della biografa, il cui unico modo di uscire alla luce è tramite la voce di altri, contraffacendo lettere di personaggi famosi. Interessanti e diverse le dinamiche in gioco, tutte da scoprire e riscoprire in tre film drammatici e appassionanti.

Sia chiaro: si parla sempre di scrittrici, ma la scrittura è solo un pretesto per parlare di un’identità negata, rubata, soppressa. Da reclamare con forza e coraggio. Se preferite la stessa storia di The wife in versione artistica, provate con il film Big Eyes.

 

Femmes dans l’ombre

Pendant un voyage en avion je regarde trois film. Et par coïncidence, le sujet est le même. Trois femmes sont les protagonistes dans Colette, The Wife et Can you ever forgive her?

Protagonistes, vraiment ? Peut-être bien.

Colette retrace l’histoire de l’écrivaine française dont les romans furent publiés sous le nom du mari jusqu’au jour où elle en revendiqua la propriété intellectuelle. Dans The wife, une épouse vit dans l’ombre d’un mari qui a gagné le Nobel. Le dernier, enfin, est l’histoire d’une biographe qui sombre dans la fraude car aucune maison d’édition ne veut plus la publier.

Trois écrivaines, donc. Et pourtant, des femmes sans voix.

Pas délibérée mais néanmoins forte est celle de Colette, contrainte à écrire par son mari afin de payer ses dépenses. Parfaite mais gâchée pour conserver un lourd secret est celle de l’épouse. Quant à la biographe, sa voix est aussi cachée, pleine de doutes et de peur. Son seul moyen de s’exprimer est à travers la voix des autres, en contrefaçant des lettres de personnages connus. Intéressantes et différentes les façons qui laissent les femmes sans voix… à découvrir sans tarder grâce à trois films dramatiques et passionnants.

Soyons claires : on parle toujours d’écrivaines, mais l’écriture n’est qu’un prétexte pour parler d’identité niée, volée, supprimée. À revendiquer avec force et courage. Si vous préférez les artistes aux écrivaines, regardez Big Eyes, également une histoire vraie comme celle de Colette. Vous verrez que tout se tient : les dynamiques se ressemblent.

 

Shadow women

On a flight back home, I watch three films with (what a coincidence!) a similar subject: Colette, The Wife and Can you ever forgive her? Three women are the protagonists.

Main characters, really?

Maybe.

Colette tells the story of the famous French writer, whose books were published under her husband’s name until the day she claimed she wrote them. In The wife, a woman remains in the shadow of her Nobel Price husband writer. The last is about a biographer who counterfeits letters of famous people for a living, because her publisher does not want to give her any work and she must make ends meet.

Three writers, then. Yet women with no voice.

Unconscious yet strong is Colette’s one, forced to write by her squanderer husband. Perfect and mature that of The wife, but unheard because of a family secret. Fearful is that of the biographer, whose voice is only heard through that of famous people. It is worth watching these dramatic films, as they show three different dynamics of silencing women.

Let it be clear: the films are about women writers, but writing is nothing but a red herring. The main subject is suppressed, stolen, denied identities, to be claimed back with courage and strength. Were you to prefer artists to writers, watch Big Eyes. It is basically the same story as The wife and Colette.

 

Negritudine è sostantivo femminile / Négriture est un substantif féminin / Exploitation is a feminine word

“…aveva bisogno di manodopera a basso prezzo…” (Punti e Interrogativi, ATE 2016)

 

È noto il ruolo delle first ladies, delle mogli di CEO, della schiera di donne che sono state “dietro” i grandi uomini e oscurate da essi. Ne trovo ulteriore conferma dopo la lettura della biografia* di Emma Jung, moglie e collaboratrice del più famoso Carl Gustav: donna probabilmente altrettanto dotata, delimitata dal suo ruolo nella famiglia eppure anch’essa psicanalista, studiosa, e saggista. A lei il famoso marito ha dovuto parecchio, ma come tante altre donne “mogli, figlie o sorelle di…”, è stata dimenticata dalla Storia – o perlomeno parecchio oscurata dall’astro principale della galassia famigliare. Un nome tra tanti quello di Esther Kreitman Singer, sorella di Isaac.

Che sia in buona compagnia me lo conferma un trafiletto firmato Paolo di Stefano, che mi fa scoprire nuove negritudini femminili. Come la “negritudine letteraria”, un “malcostume diffuso nell’ambiente” italiano. Di cosa si tratta? Studiose, professoresse o traduttrici, diverse sono le donne che hanno lavorato gratuitamente, nell’ombra e senza ringraziamenti per poeti e scrittori molto famosi. I Nobel Montale e Quasimodo sono citati in primis (ma non sono certo gli unici!) per aver sfruttato i talenti di Lucia Morpurgo-Rodocanachi e Caterina Vassalini. Due nomi che, per non fare lo stesso errore, vorrei citare anche se non vi diranno niente.

Non potendo più dare loro lustro se non citando un’identità ormai sepolta, in questa giornata della donna ricordiamo su Voci dal silenzio l’immenso lavoro gratuito eseguito dalle donne di ogni ceto sociale durante i secoli. Partiamo senza indugi dal noto lavoro domestico e di cura dei figli, mai remunerato direttamente, ma che lasciava il tempo e l’energia ai mariti per costruire una carriera professionale. E aggiungiamo il lavoro intellettuale delle donne citate e di molte altre, che operarono anche in ambiti esterni a quello domestico – ma pur sempre limitate da mura.

La schiavitù è stata ufficialmente abolita. Ma lo sfruttamento è fenomeno attuale. Ognuna/o di noi ne avrà certamente incontrato qualche tipo di forma.

 

*(Amore e sacrificio di Imelda Gaudissart, Dadò ed.)

 

Négritude est un nom féminin

Le rôle des first ladies, des femmes de PDG ou de toute une série de femmes qui ont été « derrière » les grands hommes de l’histoire, est bien connu. J’en suis d’autant plus convaincue en terminant la lecture de la biographie d’Emma Jung*, épouse et collaboratrice du fameux Carl Gustav, dont le travail de chercheuse, psychanalyste et d’écrivain est passé pratiquement inaperçu. Comme beaucoup d’autres, elle n’a été que « épouse de, sœur de ou fille de… » et son étoile a été obscurcie par l’astre le plus lumineux de la galaxie familiale.

Elle n’est pas la seule. Un bref article me fait découvrir une pratique immorale répandue dans le panorama littéraire italien – et probablement ailleurs – que l’auteur appelle la « négritude littéraire ». De quoi s’agit-il ? De chercheuses, professeures, traductrices qui ont travaillé gratuitement, dans l’ombre et sans remerciements pour poètes ou écrivains connus. Parmi eux, les Nobel Montale et Quasimodo. Mais ils ne sont pas les seuls à avoir exploité les talents de femmes comme Lucia Morpurgo-Rodocanachi et Caterina Vassalini. Je tiens à citer leurs noms car elle sont déjà dû subir le silence qui a entouré leur travail. Que vous ne les connaissiez pas, ça ne me surprend pas. Connaissez-vous celle qui ont fait de même pour des écrivains de langue française?

Ne pouvant pas leur rendre justice autrement qu’en citant une identité désormais ensevelie, à l’occasion de cette journée de la femme je voudrais rappeler l’immense travail gratuit accompli par les femmes des différentes classes sociales pendant les siècles. Je pense premièrement l’énorme travail domestique et de soin aux enfants, jamais rémunérer directement, qui permettait aux maris d’être libres de construire leur carrière professionnelle. A ceci, nous pouvons ajouter également le travail intellectuel ou social des femmes actives dans d’autres domaines, mais néanmoins contraintes à rester dans une enceinte symbolique.

L’esclavage a été officiellement aboli. Mais l’exploitation est un phénomène très actuel. Chacun/e d’entre nous en connait certainement une forme moderne.

*Imelda Gaudissart, Emma Jung analyste et écrivain

 

Exploitation is a feminine word

I have just finished reading Emma Jung’s biography. She was wife and assistant to the famous Carl Gustav, whose brilliance has totally obscured her, although she was herself a psychanalyst, a writer and a researcher. The role of first ladies, CEO’s wives or that of women forgotten by History because they “stayed behind” famous men, is well-known. One name among others: Esther Kreitman Singer, Isaac’s sister. However, we could find many of them.

I mention a writer because I stumbled into an article describing the immoral art of exploiting women’s talents in the literary word. Its author calls this “negro work in literature”. What are we talking about? Intellectual women, teachers, translators, many women worked for free, in the shadow of great writers. Nobody ever thanked them. Two of them were Lucia Morpurgo-Rodocanachi and Caterina Vassalini, whose unknown names I would like to mention just to do them justice.

We cannot do anything for them now. Nevertheless, it is the 8th March today. And I would like to remember the huge unpaid, hidden work of women throughout centuries and social classes, starting with domestic and child-care work which allowed husbands to enhance their professional life. To this, we can add the intellectual and social work of many women, whose influence spread beyond the domestic sphere. And clashed against a different kind of wall.

Slavery has been officially abolished a long time ago. However, exploitation is still a modern phenomenon. Any one of us has certainly encountered it in some ways.

Guardarsi dentro, mostrarsi fuori – Regarder dedans et le montrer au dehors – Look inside and show it outside

“Si rigira in bocca la parola, direttore, direttor Gelsi, l’abracadabra che lo trasforma in principe dalle 8 alle 18. Poi torna ad essere quello che è…” (Manuela Bonfanti, Punti interrogativi, p. 42, ATE editore, 2016)

 

Quasi una recensione di L’interiorità maschile di Duccio Demetrio, Raffaello Cortina editore, 2010

Atelier di scrittura autobiografica. Un fine pomeriggio d’inverno, la penombra che già avanza. Chini sulle sollecitazioni di scrittura, nove donne e un uomo. Niente di sorprendente. Ve lo confermerebbe anche il professor Demetrio, co-fondatore della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, che in questi anni ha visto molte donne seguire il percorso in scrittura di sé. E pochi uomini. Filosofo, esperto in filosofia dell’educazione, in questo saggio ci parla della difficoltà maschile ad ascoltare la propria voce interiore e a esteriorizzarla. Un processo bidirezionale, necessario almeno nella sua prima parte e che, in fondo, un po’ fa paura. “Fin da piccoli ci hanno spiegato che dovevamo avere coraggio in tutto e poi, giunti all’appuntamento più impervio, perché” –  si chiede– “ci dimostriamo più pavidi che mai […]?

Una bella domanda. Forse perché, a suo parere, il timore degli uomini è che “se si svestissero delle loro corazze, potrebbero scoprirsi vuoti: con ben poco da dire, balbuzienti…”. “Troppa – continua – è la loro paura dell’interiorità” perché “gli hanno insegnato che un uomo non deve lasciarsi andare a tentazioni intimistiche. Ne andrebbe della propria credibilità, metterebbe allo scoperto i propri segreti”.

Io capisco la paura, ma in tutta franchezza non credo che il maschio sia così vuoto. Piuttosto, è l’immagine di vincente che la società gli dipinge addosso come necessità, a privarlo del tempo e del coraggio di guardarsi dentro. Perché da sempre, il suo esistere coincide con il fare. La paura è quella di trovarsi accantonati, inutili. La donna crea la vita, la accudisce. Il maschio provvede. “Tragico è dunque il destino dell’uomo che non ha corpi veri cui dar vita dall’interno di sé, ma soltanto azioni, frutti del lavoro e dell’intelletto. […] Il suo essere padre è accessorio”. Ma in questo testo, la tematica della paternità viene soltanto sfiorata – perciò la riprenderemo.

L’interesse del saggio è che ci indirizza verso una tematica spesso sottovalutata e molte volte persino sconosciuta: quella dell’interiorità maschile. L’approccio filosofico vanta i meriti della solitudine che, in quanto uomini, non sempre è apprezzata al suo giusto valore. Occorre riscoprirla, avere il coraggio di restare fuori dal branco, di essere un lupo solitario. Perché l’impotenza comunicativa del maschio può facilmente diventare una prigione.

L’apologia è quindi per un lavoro interiore che gli uomini non dovrebbero esimersi dal fare, poiché ricco di scoperte e di crescita. Crescere è infatti necessario, perché da bambino è necessario e naturale diventare uomo (o donna). E come lo si diventa, per l’autore è lampante: “I maschi, per diventare uomini, per accedere alla vita interiore, hanno bisogno di sentirsi confusi e smarriti. La sicurezza non si addice a chi si accinga, come nel racconto di Apuleio, a mutarsi da asino in essere umano.”

E se per molti ancora,  “svestirsi delle certezze è l’iniziazione che più evitano…”, per alcuni (sempre di più in realtà), il tempo delle incertezze è iniziato e coincide con quello della crescita. C’è di che rallegrarsene.

 

Regarder dedans et le montrer au dehors

Atelier d’écriture autobiographique. Une après-midi d’hiver, la pénombre qui avance déjà. Absorbés par les propositions d’écriture, neuf femmes et un homme. Et cela n’a rien de surprenant. L’essai du philosophe italien Duccio Demetrio le confirme. Il nous parle de la difficulté des hommes à écouter leur propre voix intérieure et à l’extérioriser. Ils ont peur. Mais pourquoi donc? « Depuis tout petits ils nous ont expliqué qu’il fallait avoir du courage et ensuite, arrivés au rdv le plus difficile, nous nous montrons plus peureux que jamais ? »

Le philosophe a une explication bien à lui : se défaire de leur cuirasse de protection pourrait révéler leur vide . Ils pourraient découvrir qu’ils ont très peu à dire. On enseigne aux garçons qu’un homme ne doit pas se laisser aller et révéler ses secrets, il en va de sa crédibilité. En fait l’image de gagnant prive les hommes du temps et du courage nécessaire à regarder son intériorité. Car depuis toujours son existence est liée au faire. Il faut donc cultiver la solitude, trouver le courage de sortir de la meute et être un loup solitaire. Car l’incapacité communicative des hommes peut devenir une véritable prison.

Cet essai fait l’apologie du travail intérieur comme moyen privilégié de développement. Comment devient-on homme pour l’auteur ? C’est simple : afin d’accéder à leur vie intérieure, ils doivent accepter de se sentir perdus. Mais se défaire des certitudes est l’initiation qui leur fait le plus peur. Heureusement, le temps de l’incertitude a commencé.

 

Look inside and show it outside

It is a late winter afternoon. Nine women and one man are writing about their own lives during a writing workshop. The ratio between men and women is not surprising at all. An essay confirms it and talks about how difficult it is for men to listen to their inner voice and let it out. They are afraid, but why? “Since they are little, they are told that they need courage, yet when the hardest situation shows up – talking about themselves – they are scared to death” – says the author, a philosopher and a man of great insight.

He has his own explanation: taking off their armor could reveal their emptiness and the fact that they have actually little to say. I don’t agree. They are not empty, just afraid. Boys are taught not to reveal their secrets, in order to keep up a winner image. But this robs them off the time and of the courage to look inside. The drama is that their sheer existence is doing things. Yet, being unable to communicate feelings is a prison.

This essay encourages inner work as a means of self-development. The way to become real men is simple: they should let go of their certainties and accept to feel at loss. This is scary, indeed. Luckily, these uncertain but thriving times have finally arrived for men too. We have a reason to celebrate.

Peccato, professor Volpato!

“Gli piace questo ingegner Mascagni Beatrice” (Cinque minuti, in Punti e interrogativi, ATE editore, 2016)

(Quasi una) Recensione di Psicosociologia del maschilismo di C. Volpato, Laterza ed. 2013

Un volumetto denso e sempre attuale, che chiarisce i processi psicologici e sociali che sorreggono tuttora, in modo sottile o meno, il maschilismo. Viene spiegato in modo accessibile come è stata costruita la superiorità maschile e come è stato esercitato il controllo. L’ultima parte è strettamente legata al panorama italiano. Utile anche la bibliografia, da cui ho tratto spunti per riflettere sul maschile.

Mi ha però irritato trovare scritto in quarta di copertina, “Chiara Volpato è professore di psicologia sociale”, anziché il correlativo femminile. Una buccia di banana pericolosissima, della quale la professoressa è consapevole poiché a pag 129 scrive: “alcuni studi hanno provato che scrivere ‘Giovanna Grossi, professore di storia’ comunica più prestigio di ‘Giovanna Grossi, professoressa di storia’. Capisco bene il perché, ma la cosa mi delude. Perché fintanto che anche le donne istruite e influenti, con cariche già prestigiose, non hanno il coraggio di affermarsi al femminile, “professoressa” continuerà a valere meno di “professore”, “direttrice” meno di “direttore”, e così via.

Manifestamente, anche il professor Volpato aveva bisogno di sentirsi più prestigiosa.

Mi era già noto il processo per cui, quando una professione si femminilizza, il suo status si abbassa. Ne ho trovato conferma in questo saggio. Ricordo un giovane uomo dirmi: ho scelto questo settore perché ci sono solo donne, così farò carriera più facilmente. Ragionamento lucido e cinico. E sapevo che aveva ragione: per essere certi di vincere, niente di meglio di una gara senza concorrenti. A qualcuno piace così.

Quanto a noi donne “comuni”, abbiamo bisogno di compagne che ci mostrino la strada in modo concreto, donne che alle parole facciano seguire i fatti. E se questo è interessante in quanto esempio di come è ancora ancorata nelle mentalità la dominanza maschile, è deludente che stia in un libro che opera nel senso opposto. Quindi lo ribadisco: al di là della buona ricerca e divulgazione che offre questo saggio, aver ceduto alla lusinga del titolo al maschile è un’occasione mancata. Peccato, professor Volpato.